SESSO GAY E STANCHEZZA

Ti scrivo perché mi sento strano e non posso parlare con nessuno. Sono un quarantenne che convive da 15 anni con un compagno poco più giovane di lui (nemmeno due anni). La nostra convivenza è stata molto bella, in sostanza la cosa più bella della mia vita, ed è andata avanti per 15 anni, ma ormai da quasi un anno comincia a crearmi qualche difficoltà. Quando ci siamo conosciuti eravamo entrambi giovani e belli, io forse un po’ meno di lui, ma a lui sono piaciuto subito e la nostra storia è cominciata perché è stato lui a volerla cominciare. Poi gli anni sono passati, lui ora è un po’ meno giovane e forse un po’ meno attraente di 15 anni fa ma ha un aspetto e un modo di fare che sono l’immagine della salute, in pratica potresti dargli tranquillamente dieci anni di meno, io invece ho avuto i miei problemi seri di salute che ho superato ma che mi hanno condizionato e mi condizionano ancora parecchio. In pratica io, dal di fuori sembro ancora un tipo piacente e giovanile ma di problemi di salute ne ho proprio tanti.

Tu potresti pensare che ti sto scrivendo per parlarti dei suoi tradimenti con ragazzi più giovani e molto più baldanzosi di me, ma sono almeno dieci anni che siamo una coppia rigorosamente monogamica, e lo vedo dal fatto che lui ha con me un’attività sessuale molto frequente e il problema, incredibilmente, è proprio questo. Tieni presente che ne sono tuttora innamorato e che gli voglio bene, fare sesso con lui mi piace o meglio mi piaceva molto, non che oggi non mi piaccia più, ma lui non si rende conto che non posso stare al suo livello, mi dice che lo schivo, che con lui cerco scuse, che lo tengo a distanza, in realtà è che certe volte, per me, fare sesso con lui è veramente stressante, non a livello psicologico, ma proprio nel senso di faticoso a livello fisico e lui questo non lo capisce.

Lui, a 38 anni, fa 40 flessioni di seguito, io non riesco nemmeno a sdraiarmi per terra, ma se provo a digli che non ce la faccio non ci crede e si sente in dovere di stimolarmi e di provocarmi, come se mi mancasse una motivazione sessuale. Quando gli dico che non ce la faccio ci rimane malissimo, non mi tratta male, non lo ha mai fatto, ma pensa che io non ce la metta tutta per venirgli incontro. Mi dice che ho 40 anni e che non posso non essere all’altezza della situazione e porta se stesso ad esempio di vita sana e sportiva, quasi che il mio declino fisico fosse dovuto al mio mancato impegno nelle attività sportive.

Ti dico che certe volte comincio ad averne paura, no, paura no, diciamo meglio a temere un po’ le sue reazioni e a sentirmene condizionato. Sarebbe tanto semplice capire come stanno le cose e magari accontentarsi di quello che io posso fare senza doverne risentire, ma questo non succede, lui mi vede ancora bello, giovane e soprattutto performante come lui, ma io non sono affatto così. Noi conviviamo da 15 anni, non penso proprio che lui abbia in mente di mandare tutto in malora, se siamo andati avanti 15 anni ci sarà pure una ragione anche al di là del sesso. Il fatto è che non vorrei vederlo reagire come un cane bastonato.

Certe volte penso che lui avrebbe bisogno di uno come lui o di uno più giovane, capace di stare al suo livello. Siccome lui si può permettere di fare tutto quello che gli viene in mente perché il suo fisico lo supporta in ogni caso, lui pensa che sia così per tutti. Io spero che arrivi a capire che il suo modello non si adatta a chiunque, perché altrimenti mi troverei a convivere con un uomo non solo insoddisfatto, ma convinto di essere stato rifiutato dall’uomo che ama. Certe volte è geloso, cosa che mi sembra incredibile, mi fa domande sui nostri amici, mi chiede se ho un cellulare segreto, perché pensa che la mia stanchezza derivi magari dal fatto che vado a fare sesso con qualcuno mentre lui non c’è, cosa che non mi è mai passata per l’anticamera del cervello.

Mi sento molto scoraggiato dai suoi atteggiamenti e non so che fare perché quando provo a spiegargli come stanno le cose mi zittisce e si arrabbia come se io stessi cercando di fargli digerire l’idea che ormai lui non mi interessa più, il che non è assolutamente vero. Qualche volta ho provato a parlarci seriamente e, sul momento, mi sta pure a sentire e sembra che abbia capito, poi la volta successiva siamo da capo a 12 e ricomincia con l’idea che io non mi ci impegno abbastanza e che faccio troppe parole e pochi fatti. Il fatto che siamo praticamente coetanei per lui significa che siamo sostanzialmente uguali e che quello che può fare lui lo posso automaticamente fare anche io. Insomma, lui pensa che basti la volontà per fare tutto, perché nel suo caso basta veramente, ma nel mio non basta affatto. Tra l’altro lui sa dei miei problemi di salute e tende a minimizzarli o meglio ad insistere sul fatto che io, col mio atteggiamento, finisco per esagerare il negativo e per precludermi tante cose che per lui sono scontate.

Non so se questo problema è un problema oggettivamente stupido, ma certo è che finisce per condizionare soprattutto la nostra sessualità, io mi sento giudicato, lui mi considera un rinunciatario che si crede vecchio quando non lo è affatto, ma non è una questione di età ma di salute e questo lui non lo capisce. Io con lui sto bene e non credo che starei meglio con nessun altro e lui lo sa, certi momenti, quando facciamo sesso un po’ più tranquillo, sono proprio bellissimi, ma quando parte in quarta pretende che io gli vada appresso e io mi stanco e lui non lo capisce e mi rimprovera, lì per lì fa una sfuriata, poi se ne pente e cerca di ridimensionare. Che posso fare? Certe volte sono proprio scoraggiato. Vorrei solo vederlo contento.

Certe volte torna a casa di ottimo umore, cominciamo a fare sesso e tutto sembra andare bene, se provo a dirgli che faccio fatica a stargli appresso l’incantesimo crolla e la serata finisce col broncio. Queste non sono tragedie, lo so, ma sono certamente incomprensioni, alla fine non mi creano un grande disagio ma comincio ad avere paura di fare sesso con lui perché la possibilità che cominci bene e finisca male è molto concreta. Qualche volta l’esito di tutto questo è che mi sento in colpa e penso che il fatto di avere almeno in un certo senso paura di lui mi impedisce di fargli veramente capire come stanno le cose. Sia ben chiaro, noi ci vogliamo bene, di questo non ho dubbi, però qualche volta comincio a pensare che lui possa sentirsi veramente a disagio.

Qualche volta penso con terrore a quello che succederebbe se non mi trovassi più in condizioni fisiche tali da poter fare sesso con lui, magari in tono minore, e penso che faticherebbe a capire il perché. Tra noi c’è comunicazione, parliamo spesso e anche seriamente ma su questo punto specifico il dialogo è difficile. Lui per parecchi anni mi ha considerato un partner all’altezza della situazione e non riesce ad accettare l’idea che non è più così. Forse questo è conseguenza di un’intesa sessuale veramente forte durata per parecchi anni. Io penso che invecchierò molto più rapidamente di lui e che questi problemi potranno diventare sempre meno facili da gestire.

Negli ultimi giorni (tre o quattro) lui non ha più preso l’iniziativa sessuale, forse per non mettermi in difficoltà, non credo che lo abbia fatto per punirmi perché non ha mai fatto cose del genere, ma l’iniziativa sessuale non l’ho presa nemmeno io e siamo andati a dormire senza coinvolgimenti sessuali e questo, per noi, non è una cosa normale. Io l’iniziativa la prenderei, ma vorrei che fosse una cosa più tranquilla e più adatta a me, ma so che una cosa del genere lo deluderebbe, comunque non posso fare passare altri giorni e domani mi farò coraggio. Non che mi dispiaccia, anzi, tutt’altro … comunque è un peccato che per lui le coccole siano banalità o poco più! Una cosa posso fare, quando sto a letto con lui, posso parlare meno, perché in certi momenti le parole possono essere pericolose, questo credo sarebbe utile e sarebbe anche facile da realizzare.

Certe volte, dopo una serata di sesso, mi sento stremato e l’indomani, quando suona la sveglia, fatico ad alzarmi. Mi dispiace di non essere alla sua altezza ma non ci posso fare niente, piacerebbe anche a me essere come lui vorrebbe, cioè come sono stato fino a qualche anno fa, perché questo lo metterebbe di buon umore, ma non saranno queste cose a metterci in crisi. In qualche momento comincio a pensare che potrei anche recitare un po’ per compiacerlo, ma temo di non avere la resistenza fisica per farlo e di scivolare un altro scalino più in basso. Io penso già da qualche anno che la nostra giovinezza è finita, o almeno la mia, e che ormai siamo uomini di mezza età, lui invece si vede ancora come un ragazzo, ha un modo di fare da ragazzo che in un certo senso mi affascina e in un certo senso mi spaventa.

Mi dice che mi faccio ossessionare dalla vecchiaia, ma lui invece rimuove del tutto l’idea e beato lui che lo può fare! Mi dice pure che faccio la vittima, magari sarà anche un po’ vero, ma penso solo marginalmente. Forse comincio veramente a sentirmi vecchio dentro, all’apparenza ancora non lo sono e lui guarda solo all’apparenza, è un peccato che non si accorga del resto. Ti allego il mio contatto [… omissis …] nel caso ti andasse di fare due chiacchiere. Ovviamente con la mail puoi fare quello che vuoi, cioè la puoi anche mettere nel forum, se non la vedi troppo strana.

___________________

Se volete, potete partecipare alla discussione di questo post aperta sul Forum di Progetto Gay:

http://progettogayforum.altervista.org/viewtopic.php?f=23&t=6992

SESSO GAY E STANCHEZZAultima modifica: 2021-11-09T12:55:29+01:00da gayproject
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento