GOETHE E MICHELANGELO OMOSESSUALI SECONDO RAFFALOVICH

Nella panoramica dei grandi personaggi omosessuali della storia, contenuta in “Uranismo e Unisessualità”, Raffalovich tratta insieme Goethe e Michelangelo. Parlando di Byron, era stato molto stringato, perché non disponeva della documentazione di cui si dispone oggi, che ne evidenzia l’omosessualità in modo molto chiaro. L’omosessualità di Michelangelo è ampiamente provata e nessun autore serio la metterebbe più in dubbio. Il … Continua a leggere

UNIVERSALITA’ DELL’OMOSESSUALITA’, CONTESTI STORICI E LEGALI

Il capitolo di “Uranismo e Unisessualità” che vi presento oggi, dedicato all’universalità dell’omosessualità, contiene diversi elementi di interesse: dai riferimenti storici legati ai culti Moabitici, alle citazioni di poeti persiani, alle puntualizzazioni sugli atteggiamenti dei Greci e dei Romani nei confronti dell’omosessualità, a qualche riflessione sul Labouchère Ammendement, cioè sulle norme violentemente omofobe introdotte nella Legge criminale inglese nel 1885, … Continua a leggere

AMICO FRAGILE

Amico Fragile Sto scrivendo la mia vita con le dita, sulla sabbia in riva al mare. Atti concreti, pesanti sono proiettati subito in un mondo del quale si ha difficoltà a ricordare il sapore. Non è il tempo. No, non è il tempo che ingoia tutto, e tutti, senza curarsi di versare una lacrima. E’ lui implacabile come il mare. … Continua a leggere

OCCHI

In questi occhi chiari mi sono specchiato non sai – nato nuovo – i ventri che l’anima nasconde pieni di lusinga e d’dio tu sai che il vero è vero e il giusto è giusto e scopri incauto un cuore vergine, offri sorriso al dente che t’assale. In questo esilio t’ho ricercato, mi lasci negli occhi l’azzurro della morte. 21/6/1980

RINTANARSI

RINTANARSI   Cantare piano, con la voce interna, cercare la pace ove pace non è nel vento più fresco della sera, rapito ai miei pensieri, via, lontano, correre senza più peso di corpo, aria nell’aria ove più fredda è l’aria.   Vita e pietà non ho che di me stesso, passero dal nido smarrito, tremito di freddo e febbre, quasi … Continua a leggere

E POI NULLA

…e poi nulla tutto sparito. E ritornano desideri sopiti poco prima osteggiati disprezzati. Inconsciamente vicino impossibile ogni cosa. Stupido passato strisciante speranzoso, senza pietà. Illude abbaglia agevola, distrugge infanga sotterra. Velario sul buio nasconde nero ignoto.   15/10/2007

IL MIO CANTO TRASPARENTE

  Il mio volto fantasma, anima trasparente Schiacciato, dal giudizio della gente Io gay, con la mia etichetta sul cuore Tre lettere… piene di vergogna e di dolore Le sento bruciare, mentre seduto aspetto Lontano dal mio amore, in ospedale Io con lui non posso stare. Ti sembra normale?   Quanto sangue nelle mie vene! Rosso, caldo, un fiume d’amore … Continua a leggere

CAREZZE

cadono dalla tettoia gocciole pesanti sull’asfalto bagnato, non c’è nessuno, sediamo vicini tenendoci per mano, un cane un po’ bagnato ci guarda con occhi di timida dolcezza, si accuccia, guarda in giro, si stende col muso lungo in terra, gli sorridi, si avvicina, anche lui cerca in fondo soltanto una carezza. 14/3/1979