PROPOSTE PER UN FORUM ANCHE GAY

In data 24 gennaio alle ore 16.10 ricevo e pubblico la seguente e-mail.

Ciao Project,

è da un po’ tempo che leggo il forum, mi sarebbe piaciuto parlare un po’ con te ma non ci sei mai, probabilmente sei seppellito da una montagna di chat e allora sperare di sentirti non è realistico. È per questo che ti mando questa mail e magari mi piacerebbe leggere due righe di risposta, quando vuoi, con calma. Ho visto che hai aperto un altro forum ma non c’è nessuno, mah, speriamo bene, ma anche il vecchio mi sembrava un po’ in calo. Ma vengo ai fatti.

Ho 39 anni, un’età terribile, ormai mi devo mettere l’anima in pace. Ho letto che scrivi cose sempre molto belle sui gay, sarò sfortunato io ma sono stanco dei gay, frequento ragazzi gay da più di 20 anni, quando avevo 23 anni ho conosciuto un ragazzo col quale ho convissuto per anni, aveva due anni più di me, allora ne ero innamorato pazzo, senza di lui stavo proprio male. La storia è durata 5 anni, poi abbiamo capito che ci eravamo messi insieme perché ognuno cercava di risolvere il suo problema, allora l’idea stessa di trovare un ragazzo gay  e di andare a vivere insieme ci sembra il massimo, poi, piano piano, ci siamo accorti che non è affatto così, più passa il tempo più capisci che c’è veramente poco da dirsi e che non c’è proprio coppia, perché ognuno vive solo la sua vita. Ci dicevamo che volevamo lasciarci reciprocamente degli spazi privati ma in realtà eravamo due mondi. Ecco, io nel forum ho letto storie di ragazzi che stanno male perché non hanno un ragazzo e si disperano per questo e invece una cosa del genere se la dovrebbero godere perché la vita di coppia se non è una miseria fino dal primo momento, comunque diventa una cosa che con gli anni non solo non ti interessa più ma ti sembra addirittura un vincolo. Se adesso rivedo quel ragazzo, anche se abbiamo convissuto per anni, mi chiedo: ma come ho fatto a innamorarmi di lui? In effetti io mi sono innamorato dei miei sogni di ragazzo ideale che proiettavo dentro di lui, era un sogno ma poi mi sono svegliato. In realtà a me di quel ragazzo non importava nulla, avevo solo la testa riempita di modelli d’amore gay. Vedi, Project, sì, è vero che la società ti mette in testa i modelli della vita etero come se fossero una cosa sublime, un gay ci mette tempo a capirlo, poi arriva su un forum come il tuo e che cosa trova? Altri modelli mitici, la storia è sempre quella: i gay sono persone ottime, l’amore gay esiste, adesso siete tristi perché non avete un ragazzo, quando ne troverete uno sarete felici. Probabilmente non lo troverete mai e se lo troverete o vi illuderete di averlo trovato allora vi renderete conto abbastanza presto che le cose che vi ha messo in testa Project, in effetti, sono solo miti lontanissimi dalla realtà che è molto ma molto più banale. Dopo i 28 anni, cioè dopo che è finita la convivenza con quel ragazzo, ho cercato di costruire altre storie e mi sono impelagato in una fittissima ragnatela di giochi psicologici. Ragazzi delusi, depressi, eterni scontenti, pretesi adoni, ma soprattutto gente spesso immatura. Sarà che me li sono beccati tutti io. La cosa che meno sopportavo, specialmente dai 30 anni in poi, era il vittimismo. Ragazzi che si credevano martiri ma che avevano solo bisogno di sentirsi qualcuno piangendosi addosso. Ormai sono quasi due anni che non frequento più ragazzi gay a nessun livello e sto molto ma molto meglio. Ci ho messo 20 anni a capire che non ne valeva la pena e a liberarmi della mitologia del buon gay, del sesso che dà la felicità e da altre amenità del genere. Project, senza nessuna intenzione polemica, perché ti stimo molto, ma non credi di vendere fumo cioè di vendere speranze facili alle quali dopo non corrisponderà nulla? Io dico che lo sai come stanno veramente le cose e che magari ti fai un dovere di dare ai ragazzi una speranza, anche se è una speranza falsa, può sembrare meglio di niente, ma se alimenti delle speranze inconsistenti prima o poi quei ragazzi si sveglieranno e si renderanno conto di avere solo cercato di raggiungere un miraggio. Io ho amici etero, con i quali ho rapporti di amicizia molto moderati, sto bene con loro, non si parla mai di sesso ma di altre cose, ci scambia qualche cortesia, si ha il piacere di fare due chiacchiere, senza alcuna implicazione di sesso, per questo in fondo un’amicizia è un’amicizia, mentre quando conoscevo ragazzi gay era tutto un insieme di doppi giochi, di mezze bugie, di impicci e di imbrogli vari, di gelosie e di pettegolezzi, amici mezzi innamorati, falsi innamorati che non ti sono nemmeno amici, tutto un gioco di sottintesi, di doppi sensi, di cose dalle qual mi sono completamente liberato. E sai qual è stato il risultato di questi quasi 20 anni di frequentazioni gay? Solo tempo perso. Non ho incontrato gente cattiva, per carità, bravi ragazzi, ma che non sapevano nemmeno loro quello che volevano, che sognavano tutto e il contrario di tutto ma vivevano solo di sogni. Ho visto alcuni di questi ragazzi perdersi dietro a sogni d’amore che anche un cretino avrebbe capito che erano irrealizzabili, hanno rinunciato agli studi per amore, così dicono, ma poi ho capito che non avevano voglia di fare nulla, facevano un esame all’anno, sempre in angoscia per qualche motivo, quando ci vedevamo mi parlavano solo del loro ragazzo o preteso tale, che poi di loro se ne fregava del tutto. Ma perché i gay fanno di tutto per non aprire gli occhi? E tu, Project, fai di tutto non solo per lasciarli dormire, ma per narcotizzarli proprio. Anche un forum gay potrebbe servire ad aprire gli occhi e invece è tutta una lamentazione: siamo le vittime di tutto e di tutti! Io adesso vittima non mi ci sento più e poi, scusa, ma perché un forum gay? Per creare un giardino segreto, una specie di paradiso terrestre? Oppure un ghetto? Perché in effetti un po’ questa impressione si ha. Dobbiamo trovarci tra noi, capirci tra noi, fare gruppo tra noi, ma perché? È proprio il segno di una sottocultura. Lo dico chiaro, io sono gay e queste cose ancora un po’ le sento mie ma sarebbe proprio il tempo di fare piazza pulita e di cominciare su altre basi, per esempio togliendo la parola gay dal titolo del forum. È provocatorio lo so, ma sarebbe più serio. Apri un forum non gay e parla anche di cose gay ma non solo di quello, fai vedere a tutti che essere gay è una cosa comune della vita invece di fare vedere ai soli gay che essere gay è una cosa sublime, cosa che non è realistica, cerca di avere il coraggio di spaccare il cancello del ghetto! A me la questione gay interessa ormai solo da un punto di vista di impegno civile, non sto qui per cercarmi un ragazzo ma per vedere se mi risponderai seriamente. Butto un sasso nello stagno! Project, se ci sei batti un colpo!

Puoi pubblicare questa mail, se vuoi, ma mi interessa sapere quello che ne pensi tu.

Se volete potete partecipare alla discussione di questa testimonianza aperta sul Nuovo Forum Progetto Gay:

http://progettogay.gratisforum.tv/viewtopic.php?f=29&t=171

PROPOSTE PER UN FORUM ANCHE GAYultima modifica: 2009-01-24T16:35:00+00:00da gayproject
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “PROPOSTE PER UN FORUM ANCHE GAY

  1. beh è vero in alcune cose c ghettizziamo ma qst sito nn credo lo faccia, esso ha cm scopo la comprensione d temi e problemi ke c riguiardano attraverso l’analisi oggettiva d esse e cmq rifugge dagli stereotipi ke c ghettizzano.cmq proprio xkè noi gay nn siamo xò diversi dagli eteroe siccome io credo ke l’amore tra etero esista nn vedo xkè nn debba esistere tra gli omosessuali.

Lascia un commento