CIAO NOMEINCODICEVABENE?

Ciao Codice (ti chiamo così perché dire “nomeincodicevabene?” è troppo lungo e complica la formattazione) … che ti dico? La pagina che hai commentato è una pagina autentica di diario di un ragazzo gay che l’ha scritta quando aveva più o meno 23 anni. Quando ho letto il tuo commento… all’ultima riga ho provato la sensazione di un pugno nello stomaco! Tornano i tuoi e devi chiudere la pagina! E’ una situazione molto tipica, tra l’altro comune a moltissimi ragazzi. Quasi per farti un augurio di felicità, ci tengo a dirti che l’autore di quella pagina di diario del 2001, oggi ha 29 anni e da poco più di un anno lo vedo felice col suo ragazzo, non quello cui accenna nel diario ma un ragazzo ventunenne che ha incontrato in modo del tutto casuale in ambienti lontanissimi dal mondo gay. Il loro rapporto non ha nulla a che vedere con le favole gay. I due ragazzi non sono gay dichiarati (solo pochissime persone sanno di loro e fuori dell’ambito familiare) e non possono permettersi di uscire allo scoperto perché non hanno una disponibilità economica che permetta loro di vivere in una casa propria. Alla fine dell’estate sono andato a prendere una pizza con questi due ragazzi. All’inizio c’era un certo imbarazzo perché io non sono più un ragazzo, ma poi il clima si è sciolto. Non lo dico per dire… ma erano l’immagine della felicità. Il 29enne cedeva sempre il passo al 21enne, non lo interrompeva mai, lo stava ad ascoltare come un oracolo, diceva di lui solo cose positive, in sostanza gli rinnovava una dichiarazione d’amore ad ogni momento, con un sorriso con una parola o facendo una faccia allusiva. Il 21enne sentiva l’amore dell’altro ragazzo e giocava, rideva… poi mi guardava e sorrideva anche me. Di quelle serata riporto un ricordo dolcissimo… una delle più belle immagini di vita gay che io abbia mai visto. Sai Codice, le cose possono cambiare in modo inaspettato quando meno te lo aspetti e a quei due ragazzi è successo proprio così! Un abbraccio. Grazie di averci regalato il tuo commento!

CIAO NOMEINCODICEVABENE?ultima modifica: 2007-10-31T21:40:00+00:00da gayproject
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “CIAO NOMEINCODICEVABENE?

  1. Innanzitutto vorrei chiedere scusa a tutti per il nome un pò “imbecille” che ho lasciato nel post (nomeincodicevabene?), ma il tempo non mi ha lasciato modo di pensare a qualsiasi cosa. Ti ringrazio per la risposta, che detto molto sinceramente non mi aspettavo.
    Ho commentato quel post perchè ne sentivo il bisogno, è stato più forte di me; e quando i miei sono rientrati ho voluto in ogni caso inviarlo, anche se un pò povero.
    Che dire, ho avuto adesso il tempo di leggere più approfonditamente il blog, e miseria, complimenti! Non avevo mai letto parole simili…

    Se solo potessi davvero provare quell’amore di cui parli nei tuoi post, con la stessa felicità, con lo stesso entusiasmo con cui li descrivi.
    Peccato, perchè in questo momento l’unico sentimento che porto dentro è rabbia. Rabbia mischiata alla tristezza, e a non so quanti altri mille sentimenti che si accumulano là, in fondo allo stomaco dove fanno più male.
    Se solo lui mi guardasse con gli occhi che lo guardo io. E non sono occhi assetati di sesso, ma sono occhi che lo venerano come persona, perchè per me qualunque sua parola è divina; farei di tutto per renderlo felice. Quando mi chiama e mi tiene le ore al telefono raccontandomi del più e del meno, io muoio dentro, ma grazie a Dio muoio in silenzio perchè mi accontento solo di sentire la sua voce. Mi fa stare bene; ed anche adesso, alle 23.50 aspetto una sua chiamata che ovviamente non arriverà, ma l’attesa nel soffocarmi mi rende felice.

    Scusami, sono uscito completamente fuori da qualsivoglia argomento. E’ solo uno sfogo con te, una persona che ritengo possa capirmi come poche.
    Concludo dicendoti grazie, grazie davvero.

Lascia un commento